L’IMPATTO PSICOLOGICO DELL’EMERGENZA COVID-19 SUL PAZIENTE INFERTILE

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in COVID-19, Emergenza, Emozioni, Procreazione Medicalmente Assistita, Psicologia dell'emergenza, PSICOLOGIA SOCIALE, Supporto psicologico

Particolare attenzione in questa emergenza va prestata ad alcune tipologie di persone che possono risultare particolarmente fragili come gli anziani, i pazienti oncologici, gli immunodepressi, i pazienti con patologie croniche degenerative ed i singoli e le coppie che proprio in questo periodo si stavano sottoponendo o si accingevano ad un trattamento di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA). Cerchiamo dunque di fare un po’ di chiarezza e capire quali sono state le motivazioni che hanno spinto le società scientifiche che operano nell’ambito della riproduzione umana, a ritenere necessaria tale misura.

Piano Pandemico Regionale Veneto

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in COVID-19, Emergenza, Pandemia, Psicologia dell'emergenza, Psicologia dell'emergenza e Protezione Civile, PSICOLOGIA SOCIALE, Supporto psicologico

Il presente documento definisce le azioni di pianificazione della Regione del Veneto in preparazione
e risposta ad una pandemia influenzale in sintonia con le linee guida indicate dal Piano Nazionale
nel quale si incardina e al quale si rimanda per le parti di contesto generale e di organizzazione
sovraregionale.

Piano Pandemico

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in COVID-19, Emergenza, Psicologia dell'emergenza, Contesti Organizzativi, Gestione del Personale, PSICOLOGIA SOCIALE, Supporto psicologico, team

Nel 2005 la minaccia mortale di una pandemia era un argomento che occupava le copertine della stampa internazionale. La cover story di TIME, del 17 ottobre 2005, riportava l’allarme degli esperti di sanità sulla pandemia (di influenza aviaria) che stava arrivando, e che avrebbe ucciso milioni di persone, devastato l’economia mondiale e causando la chiusura (shut down) di tutto il mondo industrializzato e non. In quegli anni il nostro Ministero della salute metteva a punto il “Piano nazionale di preparazione e risposta ad una pandemia influenzale” che definiva obiettivi ed attività da realizzare per evitare di trovarci travolti dalla pandemia.

Coronavirus, la “fase 2” sarà in due step: si parte con le aziende

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in COVID-19, Emergenza, Gestione del minore, strategia comunicative, Psicologia dell'emergenza, Psicologia dell'emergenza e Protezione Civile, PSICOLOGIA SOCIALE

La linea ribadita sarebbe quella della gradualità e prudenza nelle riaperture. Da qui a una settimana l’Italia non sarà fuori dall’emergenza, sottolineano tutti gli scienziati e lo sa bene il governo che continua a ribadire la linea della massima cautela. “Quella che iniziai, dice il commissario Domenico Arcuri, è una “lunga fase di transizione nella quale sarebbe imperdonabile” non mantenere le misure adottate finora perché vorrebbe dire rendere inutili i sacrifici fatti dagli italiani.

Sorveglianza Integrata COVID-19 in Italia

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in COVID-19, Emergenza, PSICOLOGIA SOCIALE

Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha diffuso i dati sull’epidemia di Coronavirus in Italia. Il numero totale di persone risultate positive è 91.246. Di queste 3.977 sono ricoverate in terapia intensiva, 58.320 sono in isolamento domiciliare e 28.949 sono ricoverati in ospedale con sintomi (-61). Il numero delle vittime è arrivato a 15.887, 525 nelle ultime 24 ore. Il numero dei pazienti guariti è in totale 21.815.

Lʼindice di contagiosità del coronavirus: il confronto

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in COVID-19, Emergenza, PSICOLOGIA SOCIALE, Supporto psicologico

R0 è uno dei parametri fondamentali nell’ambito di una malattia infettiva (e di una pandemia) e indica il “numero di riproduzione di base” che rappresenta il numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto in una popolazione completamente suscettibile, cioè mai venuta a contatto con il nuovo patogeno emergente, come spiega l’Iss. In parole più semplici si tratta del criterio con cui si misura la potenziale trasmissibilità di una malattia infettiva, ovvero il numero di persone che ogni malato può contagiare.